banner el autor
barra blanca
boton descargas
boton manuscritos

Bibliotecas

Reseņas
boton sitios de interes
boton contacto

Traducciones

E se non fosse

Con colpi del suo femore un uomo
batte contro il portone della fabbrica
dove è rimasto chiuso il suo sostentamento.
E se all'improvviso suonasse la campana?
Se all'improvviso risuonasse il fischio
e la porta si aprisse, e un tumulto
gli passasse a lato
come un vento impetuoso,  e si svegliasse?

Un angelo nudo piange tremando
in un angolo della sala da pranzo.
E se non fosse pianto quello che bagna
il suo viso, se fosse emozione
e nemmeno fosse un angelo o un guardiano
ma il sogno del terrore, quanto risulta
della paura sui risvolti della giacca, negli occhi
febbrili dell'uomo che supplica?

Una donna incinta s'arrampica
su un'impalcatura e depone
nella cornice del cielo
la colazione per mezzogiorno in punto.
E se fosse un' equilibrista
vestita di fuoco?

Se arrampicandosi lassù
intendesse mostrare dal cielo
le sue gambe come steli,
i suoi occhi di primavera,
i suoi capelli accesi
come una torcia in alto
nella commozione del giorno?

Un uomo morto da due ore
chiama al raccoglimento
sull'inconsistenza della vita
e le sue assillanti domande.

E se d'improvviso si svegliasse?
se fosse solo un greve sogno
un brutto sogno
se sollevasse una palpebra
e nuovamente restasse abbagliato
dal cielo che esplode nel suo colore
con il profumo dell'estate
che si  diffonde
e i fiori
i parenti
e le cerimonie che seguono
la dipartita
passassero come passa il vento tiepido
in questa serata di gennaio.
Sarebbe un sogno, la morte
solo un sogno buio
che cerchiamo di dimenticare,
ogni volta che la donna
dalla capigliatura di fuoco
e occhi d'oro s'arrampica
sulle impalcature del cielo
e ci abbaglia.

 

barra azul

© 2009 Jorge Palma - labrador@jorgepalma.com.uy - www.jorgepalma.com.uy